Archivio della categoria: Generale

Mercoledì 20 marzo Quale Europa per la PACE, il LAVORO e il WELFARE?

image003

Vi invitiamo all’appuntamento del ciclo di incontri proposto in vista delle prossime elezioni europee: 

Quale Europa per la PACE, il LAVORO e il WELFARE?

 Mercoledì 20 marzo – ore 20.45

San Vito al Tagliamento – Auditorium Concordia (dietro il Duomo)

con

Arduino Paniccia, Docente di “Relazioni Internazionali” all’Università di Trieste

Luigi Lama, Centro Studi Nazionale CISL

Daniele Marini, Professore Associato all’Università di Padova di “Sociologia dei Processi Economici” e di “Sociologia del Territorio e della Comunità”

Modera Elena Del Giudice, giornalista de Il Messaggero Veneto

locandina_iniziative-elezioni-europee-2019_web

depliant_iniziative-elezioni-europee-2019_web

FARE COMUNE – sabato 23 marzo – “UN FUTURO PER L’EUROPA, UN’EUROPA PER IL FUTURO”

23-marzo-marango-futuro-europa

desideriamo invitarvi al secondo incontro dell’anno 2019 di FARE COMUNE:

SABATO 23 MARZO
MONASTERO DI MARANGO
9.30 – 12.30

UN FUTURO PER L’EUROPA, UN’EUROPA PER IL FUTURO

L’Europa: storia di un’idea sotto assedio

con Daniele Ceschin, storico

Superare l’Europa del malcontento

con Gabriele Orcalli e Gianluca Toschi, docenti Economia dell’Integrazione Europea – Università di Padova

Si avvicinano le elezioni europee, che saranno decisive per il futuro del nostro continente e forse anche per il nostro Paese. Noi desideriamo prendere parte attiva al dibattito in corso, con una particolare attenzione ai giovani che per la prima volta daranno il loro voto.

L’idea di un superamento dei rigidi confini degli stati nazionali nasceva all’indomani della tragedia e dell’orrore della seconda guerra mondiale, frutto di devastanti fanatismi nazionalisti. Nasceva dalla necessità di risollevarsi dall’abisso di disumanità in cui si era precipitati. Era allora forte il desiderio di allargare il perimetro della pace, di recuperare le millenarie radici culturali, religiose, artistiche, dell’Europa, nel rispetto delle singole persone e delle diverse appartenenze, per un progetto comune. Si voleva dar vita ad una economia sociale di mercato, che sostenesse le categorie più svantaggiate e sviluppasse con forza le esperienze della sussidiarietà, per dare volto alla libera iniziativa dei corpi intermedi. La maggior parte di noi è nata in questa Europa, oggi fortemente sotto assedio da insorgenti nazionalismi e sovranismi.

L’Europa è tale se rimane il faro dei diritti umani, coerente con il suo tormentato percorso che ha costruito la civiltà dello stato di diritto e del valore della libertà e della coscienza individuale.

Discutiamone insieme.

Il percorso di cittadinanza attiva, denominato FARE COMUNE, coinvolge la partecipazione dei cittadini del Veneto orientale sui grandi temi di interesse comune. L’iniziativa desidera coinvolgere direttamente le Amministrazioni locali in quanto si propone di avviare dei processi virtuosi nella ricerca del bene comune possibile.

fare-comune-europa-2019-a4_compressed

Convegno Estivo Muinta 23 giugno 2018 – RI-ANIMARE LA COESIONE SOCIALE

panorama_ponte_2

Forum IEICP VI invita a

Muinta 23 giugno 2018 Dalle 11.00.

 RI-ANIMARE LA COESIONE SOCIALE

visione , senso ,obiettivi  di una nuova fratellanza per riscoprire il fondamento umano della nostra convivenza .

INDIVIDUIAMO ASSIEME LE Piste di cammino 2018 / 2019 /2020 .

Arrivo ore 11.00

Silenzio e meditazione ORE 11.30/12.30

Pranzo 12.30/13.30

Intro (don Orioldo Marson) Ore 13.30

lavoro di gruppo Ore 14.00 / 16.30

info: Incontri.eicp@gmail.com

IL BENE COMUNE TRA CONTINUITÀ ASSISTENZIALE PER L’ANZIANO, FRAGILITÀ E QUALITÀ DELLA VITA

ipab-convegno-portogruaro-16-06-2018

Abbiamo il piacere di invitarVi al convegno promosso da

DIOCESI DI CONCORDIA-PORDENONE , COMMISSIONE DIOCESANA

Pastorale sociale e del lavoro, giustizia e pace, custodia del creato

In collaborazione con

FORUM IEICP Incontri Ecclesiali di Impegno Civile e Politico Portogruaro.

E CISL Funzione Pubblica Veneto

 

IL BENE COMUNE TRA CONTINUITÀ ASSISTENZIALE PER

L’ANZIANO, FRAGILITÀ E QUALITÀ DELLA VITA

 

PORTOGRUARO – BIBLIOTECA ANTICA – Fondazione Marconi -via Seminario Portogruaro

16 giugno 2018 9.30 – 12.30

Introduce la giornata:

Monsignore Giuseppe Pellegrini

Vescovo di Concordia Pordenone

La pastorale sul lavoro si interroga sul futuro dell’assistenza verso i più deboli.

 

 Il “Bene comune”: un mezzo indispensabile per concretizzare la rete dei servizi a supporto dei più deboli. Welfare della Comunità e della Famiglia.

Don Fabio Longoni (Portavoce CEI Pastorale sul Lavoro)

 

I profili del bisogno, la domanda di assistenza e la programmazione dei servizinel Veneto Orientale e nel Friuli Occidentale.

La programmazione regionale è adeguata? Esiste una rete di continuità assistenziale? Punti di forza e debolezza del sistema? Obiettivi ed azioni prioritarie?

 Mauro Filippi – Direttore dei servizi socio-sanitari ULSS 4 Veneto Orientale

Ranieri Zuttion – Direzione salute ed integrazione socio-sanitaria Regione Friuli Venezia Giulia

 

LE IPAB : una storia che viene da lontano

Roberto Sandron – Storico

 TAVOLA ROTONDA:

Quale futuro per le IPAB e la rete dei servizi?

Moderatore – Federica Spampinato – Giornalista NOOS TV

 

Laura Cazzaro – Direttrice Azienda Speciale Don Moschetta di CAORLE

 

Mary Pallaro – Segretario CISL Veneto

Gianluca Forcolin – Vice Presidente Regione Veneto

 

CONCLUSIONI:

Paolo Anastasia – FORUM IEICP PORTOGRUARO

depliant_convegno_ipab_160618_rev_2

 

IL LAVORO NEGLI ANNI 2017-2018: MIGRARE PER LAVORARE 19 gennaio 2018 ORE 19.00 – 21.00

Quarto Stato Oggi

Quarto Stato Oggi

RIPRENDONO GLI INCONTRI DEL FORUM IEICP

vi invitiamo

in Via Seminario, 21 a Portogruaro

IL LAVORO NEGLI ANNI 2017-2018

3° INCONTRO: MIGRARE PER LAVORARE 19 gennaio 2018 ORE 19.00 – 21.00

Interviene: Gianpiero Dalla Zuanna, Docente Ordinario di Demografia al Dipartimento di Scienze Statistiche dell’Università di Padova

Il mondo dei migranti si muove inarrestabilmente e la storia degli ultimi anni non è certo una “novità” assoluta. L’attuale ondata di migranti, anche economici, deve essere valutata nelle giuste dimensioni. Inoltre, ad una migrazione importata corrisponde anche una forte migrazione esportata, che non è fonte di preoccupazione, anzi viene ritenuta una “necessità”.

La crescente migrazione dai paesi più poveri verso quelli più ricchi mette in discussione le politiche internazionali, da quelle svolte dagli stati, a quelle della cooperazione internazionale, a quelle del mondo delle chiese universali.

Politica assistenziale, politica di sviluppo, politica di cooperazione: sono scelte molto importanti per delineare un futuro nuovo delle relazioni tra popoli, soprattutto nel bacino del Mediterraneo.

————–

A seguire, per continuare a conversare assieme, sobrio convivio.

 

 

IL LAVORO NEGLI ANNI 2017-2018: LAVORO E CITTADINANZA? 04 dicembre 2017 ore 19.00-21.00

Quarto Stato Oggi

Quarto Stato Oggi

RIPRENDONO GLI INCONTRI DEL FORUM IEICP

vi invitiamo

in Via Seminario, 21 a Portogruaro

IL LAVORO NEGLI ANNI 2017-2018

2° INCONTRO: LAVORO E CITTADINANZA? 04 dicembre 2017 ore 19.00-21.00

Intervengono: Ugo Trivellato, Professore Emerito di Statistica Economica all’Università di Padova

L’uomo entra nel mondo del lavoro, pieno di sogni e di speranza per il futuro. Con il lavoro, infatti, si può contribuire allo sviluppo della società in cui si vive. Con il lavoro si sente di avere un ruolo. La società è l’incarnazione storica e sociale del lavoro di tutte le generazioni.

Intendendo per lavoro ogni attività umana che contribuisca al “bene comune”, ne deriva che lavorare comporta godere dei diritti, ma anche rispettare dei doveri.

La mancanza di lavoro è motivo di disgregazione sociale: ma un non-lavoratore è comunque un cittadino. Come tutelare un cittadino non-lavoratore in una economia della non-piena occupazione?

 

A SEGUIRE IL 19 01 2018:

3° INCONTRO: MIGRARE PER LAVORARE 19 gennaio 2018ORE 19.00 – 21.00

Il mondo dei migranti si muove inarrestabilmente e la storia degli ultimi anni non è certo una “novità” assoluta. L’attuale ondata di migranti, anche economici, deve essere valutata nelle giuste dimensioni. Inoltre, ad una migrazione importata corrisponde anche una forte migrazione esportata, che non è fonte di preoccupazione, anzi viene ritenuta una “necessità”.

La crescente migrazione dai paesi più poveri verso quelli più ricchi mette in discussione le politiche internazionali, da quelle svolte dagli stati, a quelle della cooperazione internazionale, a quelle del mondo delle chiese universali.

Politica assistenziale, politica di sviluppo, politica di cooperazione: sono scelte molto importanti per delineare un futuro nuovo delle relazioni tra popoli, soprattutto nel bacino del Mediterraneo.

 

Intervengono: Gianpiero Dalla Zuanna, Docente Ordinario di Demografia al Dipartimento di Scienze Statistiche dell’Università di Padova

a-seguire-della-settimana-sociale-diocesana

 

L’AZZARDO NON E’ UN GIOCO- sabato 4 marzo 2017-al Monastero del Marango

 AZZARDO NON è UN GIOCOAssieme alle  associazioni promotrici del progetto “Fare Comune” 


(Associazione “Città del Piave” San Donà,
 “Fra terra e cielo” Eraclea, 
Forum I.E.I.C.P. Portogruaro, 
“Limen Universalis”Concordia Sagittaria, 
 “Dossetti” Marango Caorle) 



abbiamo organizzato

 il seguente evento:

SABATO 04 MARZO 2017PRESSO IL MONASTERO DEL MARANGO 
dalle ore 9.30 alle ore 12.30 

L’AZZARDO NON E’ UN GIOCO

INTERVENTI

Emilia Serra

Psicologa

Alessandro Nardese

Presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Azienda ULSS 4 “Veneto Orientale” Sindaco di Noventa di Piave (Ve)

LAVORI DI GRUPPO

CONCLUSIONE

Lo scopo dell’incontro è duplice:

1.inquadrare il fenomeno della ludopatia da un punto di vista qualitativo e quantitativo e le conseguenti ricadute sul piano personale e sociale, a livello nazionale ed in particolare a livello regionale e territoriale (Veneto Orientale);

2.individuare e proporre azioni ed iniziative, anche istituzionali, che coinvolgano gli enti locali, che possano affrancare, persone, famiglie e comunità dagli effetti negativi di questo fenomeno che sta assumendo una dimensione crescente.

——————————-



Vi Aspettiamo al Monastero di Marango, Strada Durisi, 12 30021 Caorle (VE)
Sabato 5 novembre 2016 .

 

Forum I.E.I.C.P. Portogruaro.

QUI IL  PIEGHEVOLE DELL’EVENTO

——————————————


per ulteriori informazioni
potete contattare anche direttamente: FARE COMUNE

Monastero di Marango, Strada Durisi, 12 30021 Caorle (VE) 
s

egreteria 0421 88142


farecomune2016@gmail.com

 

 

PROGETTO “FARE COMUNE” IL FENOMENO DELLE MIGRAZIONI

Assieme alle  associazioni promotrici del progetto “Fare Comune”
(Associazione “Città del Piave” San Donà,
“Fra terra e cielo” Eraclea,
Forum I.E.I.C.P. Portogruaro,
“Limen Universalis”Concordia Sagittaria,
“Dossetti” Marango Caorle)


abbiamo organizzato
SABATO 5 NOVEMBRE 2016

PRESSO IL MONASTERO DEL MARANGO
dalle ore 9.30 alle ore 12.30
 

IL SISTEMA DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE: RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI

INTERVENTI
1-Convenzioni Internazionali, aspetti legislativi e normativi
La richiesta di protezione internazionale; profili quantitativi e qualitativi in Europa, Italia, nel Veneto, con particolare riguardo al Veneto Orientale
dr. Vito Cusumano Vice-Prefetto Vicario Prefettura di Venezia

2-Modelli di accoglienza ed esperienze concrete
dr. Gianfranco Bonesso Responsabile servizio immigrati e promozione dei diritti di cittadinanza e dell’asilo Comune di Venezia

3-LAVORI DI GRUPPO

 

 

FARE COMUNE MIGRAZIONI 2  FARE COMUNE MIGRAZIONI 3FARE COMUNE MIGRAZIONI 2FARE COMUNE MIGRAZIONI 2FARE COMUNE MIGRAZIONI 2

Il progetto “Fare Comune” nasce con l’ intenzione , assieme a tutte le persone che hanno a cuore il bene comune, attraverso un percorso di dialogo e di confronto serio e documentato, di cercare  di elaborare delle proposte concrete da offrire in modo particolare achi amministra i territori, sui temi di grande importanza e attualità che interessano la vita dei cittadini del Veneto Orientale.

Siamo Associazioni e realtà, cattoliche e laiche, che operano nel Veneto Orientale, ben lieti se molti altri vorranno aderire e partecipare attivamente all’iniziativa.


Il Monastero di Marango, da sempre aperto ad accogliere le istanze di una società in rapida trasformazione, è un luogo ideale per riattivare una passione e un interesse per la vita politica nel nostro territorio. Offre a tutti un’occasione e un’opportunità, lontani dagli schieramenti e dalla pressione delle decisioni da prendere nei tempi brevi e nei luoghi della battaglia politica.

ECCO il PIEGHEVOLE di questa prima iniziativa di  “FARE COMUNE”

 

Vi Aspettiamo al Monastero di Marango
Monastero di Marango, Strada Durisi, 12 30021 Caorle (VE)
Sabato 5 novembre 2016 .

FARE COMUNE MIGRAZIONI 2

Nasce nel Veneto Orientale il progetto “FARE COMUNE”

Invito a conferenza stampa di presentazione:

giovedì 15 settembre, ore 18.00

fare comune

- Monastero di Marango di Caorle (VE) -

NASCE NEL VENETO ORIENTALE 

UN PROGETTO ORIENTATO AL BENE COMUNE POSSIBILE.

Le associazioni promotrici del progetto “Fare Comune” (Associazione “Città del Piave”, “Fra terra e cielo”, Forum I.E.I.C.P., “Limen Universalis”, “Dossetti”) e tutte le persone che hanno a cuore il bene comune, attraverso un percorso di dialogo e di confronto serio e documentato, cercheranno di elaborare delle proposte concrete da offrire in modo particolare a chi amministra i territori, sui temi di grande importanza e attualità che interessano la vita dei cittadini del Veneto Orientale.

«Questo progetto – sottolinea don Giorgio Scatto, priore del Monastero di Marango, sede del progetto – nasce da una serie di considerazioni:

  • la mancanza di speranza per il futuro della nostra società, nella quale non appaiono segni evidenti di cambiamenti positivi

  • la crescente impotenza dei cittadini nelle decisioni importanti della vita sociale e politica

  • la chiusura di molti nella paura e in ottiche individualiste e localiste

  • l’assuefazione ad una dilagante corruzione nella sfera pubblica e privata; il venir meno delle regole della convivenza, della legalità, della capacità di rispetto nelle relazioni, della responsabilità di fronte alla respublica

Siamoconvinti che sia necessaria una urgente insurrezione delle coscienze prima che le nostre già debolissime democrazie debbano lasciare il posto a forze oscure che tentano di regnare in tutto l’occidente».

Il Monastero di Marango, da sempre aperto ad accogliere le istanze di una società in rapida trasformazione, è un luogo ideale per riattivare una passione e un interesse per la vita politica nel nostro territorio. Offre a tutti un’occasione e un’opportunità, lontani dagli schieramenti e dalla pressione delle decisioni da prendere nei tempi brevi e nei luoghi della battaglia politica.

«Crediamo – continua il priore – che la nostra comunità, allenata da tempo alla convivialità delle differenze, sia un terreno dove il dialogo e il confronto sulle cose da fare, con umanità, diventi non solo possibile ma necessario; sia un luogo dove cercare insieme il pane della cultura e della sapienza, ma anche degli orientamenti concreti sulle grandi sfide del presente; un’occasione non solo per interpretare la complessità del presente, ma anche per cercare vie reali di cambiamento».

Lo stesso papa Francesco scrive: «La politica, tanto denigrata, èuna vocazione altissima, è una delle forme più preziose della carità, perché cerca il bene comune» (E.G. 205). E aggiunge: «Ricordatevi che il modo migliore per dialogare non è quello di parlare e discutere, ma quello difare qualcosa insieme, di fare progetti non da soli, tra cattolici, ma insieme a tutti coloro che hanno buonavolontà» (Francesco, Alla Chiesa italiana, 10 nov. 2015).

E’ per questo che la comunità monastica ha voluto coinvolgere, come promotori stessi del progetto “Fare Comune”, Associazioni e realtà, cattoliche e laiche, che operano nel Veneto Orientale, ben lieti se molti altri vorranno aderire e partecipare attivamente all’iniziativa.

Ciascuno partecipa agli incontri a titolo personale, e non per mandato istituzionale o associativo.

Marango 10 settembre 2016

FARE COMUNE

Monastero di Marango, Strada Durisi, 12 30021 Caorle (VE)

Giorgio Scatto 389 53 65 643 segreteria 0421 88142

farecomune2016@gmail.com

fare comunefare comune

A Muinta CONVEGNO ESTIVO : sabato 18 giugno 2016

Confermiamo l’uscita a Muinta CONVEGNO ESTIVO : sabato 18 giugno 2016.

- Il programma della giornata:

ore 09 45 ritrovo;

ore 10.00: inizio , condivisione e riflessioni;

ore 12.00: silenzio; pranzo cooperativo (con idee sul futuro).

- Circa il contenuto: riprenderemo alcuni temi della testimonianza e dell’insegnamento di Papa Francesco, perché ci sta interpellando come persone e come Comunità in maniera profonda.

Metodo: alcuni di noi scelgono una pagina di Papa Francesco, la consegnano ai presenti e la commentano molto rapidamente.

Chi si propone, lo faccia sapere utilizzando la mail incontri.eicp@gmail.com; potremo avere un “poliedro” interessante di testi e di indicazioni.

Ci sarà sempre tempo per la condivisione.