Nasce nel Veneto Orientale il progetto “FARE COMUNE”

Invito a conferenza stampa di presentazione:

giovedì 15 settembre, ore 18.00

fare comune

- Monastero di Marango di Caorle (VE) -

NASCE NEL VENETO ORIENTALE 

UN PROGETTO ORIENTATO AL BENE COMUNE POSSIBILE.

Le associazioni promotrici del progetto “Fare Comune” (Associazione “Città del Piave”, “Fra terra e cielo”, Forum I.E.I.C.P., “Limen Universalis”, “Dossetti”) e tutte le persone che hanno a cuore il bene comune, attraverso un percorso di dialogo e di confronto serio e documentato, cercheranno di elaborare delle proposte concrete da offrire in modo particolare a chi amministra i territori, sui temi di grande importanza e attualità che interessano la vita dei cittadini del Veneto Orientale.

«Questo progetto – sottolinea don Giorgio Scatto, priore del Monastero di Marango, sede del progetto – nasce da una serie di considerazioni:

  • la mancanza di speranza per il futuro della nostra società, nella quale non appaiono segni evidenti di cambiamenti positivi

  • la crescente impotenza dei cittadini nelle decisioni importanti della vita sociale e politica

  • la chiusura di molti nella paura e in ottiche individualiste e localiste

  • l’assuefazione ad una dilagante corruzione nella sfera pubblica e privata; il venir meno delle regole della convivenza, della legalità, della capacità di rispetto nelle relazioni, della responsabilità di fronte alla respublica

Siamoconvinti che sia necessaria una urgente insurrezione delle coscienze prima che le nostre già debolissime democrazie debbano lasciare il posto a forze oscure che tentano di regnare in tutto l’occidente».

Il Monastero di Marango, da sempre aperto ad accogliere le istanze di una società in rapida trasformazione, è un luogo ideale per riattivare una passione e un interesse per la vita politica nel nostro territorio. Offre a tutti un’occasione e un’opportunità, lontani dagli schieramenti e dalla pressione delle decisioni da prendere nei tempi brevi e nei luoghi della battaglia politica.

«Crediamo – continua il priore – che la nostra comunità, allenata da tempo alla convivialità delle differenze, sia un terreno dove il dialogo e il confronto sulle cose da fare, con umanità, diventi non solo possibile ma necessario; sia un luogo dove cercare insieme il pane della cultura e della sapienza, ma anche degli orientamenti concreti sulle grandi sfide del presente; un’occasione non solo per interpretare la complessità del presente, ma anche per cercare vie reali di cambiamento».

Lo stesso papa Francesco scrive: «La politica, tanto denigrata, èuna vocazione altissima, è una delle forme più preziose della carità, perché cerca il bene comune» (E.G. 205). E aggiunge: «Ricordatevi che il modo migliore per dialogare non è quello di parlare e discutere, ma quello difare qualcosa insieme, di fare progetti non da soli, tra cattolici, ma insieme a tutti coloro che hanno buonavolontà» (Francesco, Alla Chiesa italiana, 10 nov. 2015).

E’ per questo che la comunità monastica ha voluto coinvolgere, come promotori stessi del progetto “Fare Comune”, Associazioni e realtà, cattoliche e laiche, che operano nel Veneto Orientale, ben lieti se molti altri vorranno aderire e partecipare attivamente all’iniziativa.

Ciascuno partecipa agli incontri a titolo personale, e non per mandato istituzionale o associativo.

Marango 10 settembre 2016

FARE COMUNE

Monastero di Marango, Strada Durisi, 12 30021 Caorle (VE)

Giorgio Scatto 389 53 65 643 segreteria 0421 88142

farecomune2016@gmail.com

fare comunefare comune